Vai a sottomenu e altri contenuti

Servizi Sociali

Informazioni

Responsabile: Dott.ssa D.ssa Bruna Castellucci

Indirizzo: Via Roma 74, 07020 Alà dei Sardi (OT)

Telefono: 0797239006  

Fax: 079 7239031

Email: servizisociali.ala@tiscali.it

PEC: servizisociali.aladeisardi@legalmail.it

Orario: Dal lunedì al venerdi dalle ore 8,00 alle ore 14,00. Martedì e Giovedì dalle ore 15,30 alle ore 18,30.

Il settore opera nel campo dei servizi sociali programmando, organizzando ed erogando interventi di prevenzione e riparazione di situazioni particolari.

I compiti del settore comprendono:

  • gli interventi socio-assistenziali verso anziani, che consistono sia in interventi di animazione sociale (feste, attività ricreativo-culturali, soggiorni climatici) sia in interventi propriamente assistenziali quali l'assistenza domiciliare, i servizi complementari (pasti a domicilio o presso mense, lavanderia), i centri aperti ed i centri diurni integrati;
  • gli interventi socio-assistenziali verso minori, che comprendono sia servizi erogati a nuclei familiari con presenza di minori a rischio (assistenza domiciliare, centri di aggregazione giovanile, azioni di supporto all'inserimento lavorativo), che azioni in sostituzione del nucleo (affido familiare, inserimento in servizi residenziali);
  • l'assistenza sociale di base, che si occupa dell'organizzazione e gestione dei servizi resi ai cittadini mediante attività preventive, riparative, di analisi del bisogno, curando il collegamento con le realtà istituzionali ed il coordinamento delle aree di intervento;
  • gli interventi socio-assistenziali verso i disabili, che comprendono il sostegno all'inserimento lavorativo, l'assistenza domiciliare, l'inserimento in strutture diurne o residenziali, le attività di sostegno al disagio psichico, lo studio delle problematiche ed il supporto agli organi di governo nell'elaborazione delle politiche sociali;
  • gli interventi socio-assistenziali verso stranieri, che consistono in accoglienza e sostegno nel primo inserimento e si realizzano attraverso la gestione dei centri di prima accoglienza e dei campi nomadi;
  • gli interventi socio-assistenziali vari, che comprendono diverse forme di assistenza economica, continuativa o straordinaria, nonché le varie forme di intervento e di assistenza nei confronti dei 'senza fissa dimora', degli emarginati gravi, degli alcolisti attraverso i CAT, e le attività di protezione alloggiativa;
  • la programmazione e la gestione degli asili nido in tutti gli aspetti educativi, amministrativi, di funzionamento, di rapporto con le famiglie e con gli organismi di partecipazione, la programmazione delle attività didattiche, di animazione, di aggiornamento e formazione del personale;
  • la gestione degli istituti geriatrici, che offrono ospitalità continuativa o temporanea ad utenti non autosufficienti o parzialmente non autosufficienti, nonché la gestione diretta di una casa albergo;
  • la progettazione e la realizzazione di interventi a favore dei cittadini in situazione di emergenza abitativa; assegnazioni, cambi e decadenze di alloggi di edilizia residenziale pubblica.

Il settore cura inoltre il collegamento operativo con l'Azienda sanitaria locale per l'integrazione fra i servizi sociali e quelli sanitari.

LEGGE 162/1998

Sono previsti programmi di aiuto alla persona e alla famiglia come prestazioni integrative di quelle realizzate dagli enti locali e la disciplina delle modalità di realizzazione di questi piani personalizzati, gestiti dagli stessi soggetti che ne facciano richiesta, in collaborazione con l'ente locale. Sono risorse che vengono destinate ai Comuni per la realizzazione dei progetti personalizzati. La Regione Sardegna ha predisposto normative proprie che coinvolgono la famiglia, prevedendo la modalità della coprogettazione degli interventi fra diretti interessati e servizi del Comune: la famiglia sceglie l'operatore di sua fiducia, collabora e coprogetta coi Servizi, che hanno il compito di verifica delle prestazioni erogate e della loro efficacia. La famiglia (o il disabile) si può avvalere o di una coop sociale (o di liberi professionisti), o gestire con contratti di lavoro domestico (CCNL).