Vai a sottomenu e altri contenuti

Il Corpo Barracellare

Le compagnie barracellari fanno la loro comparsa in Sardegna nel XVI secolo, con lo scopo di prevenire l'abigeato e altri crimini che potevano compiersi nell'agro.

In paese esisteva una compagnia barracellare almeno dal 1750 circa. Infatti nella Relazione di Vincenzo Mameli sugli Stati di Oliva, si fa menzione di barracelli ausiliari al Maggiore di giustizia, figura che in quel tempo aveva l'incarico di far rispettare la legge. Tale relazione è stata pubblicata nel 1769 e rappresenta perciò la prima documentazione scritta dei barraccelli di Alà.

Negli ultimi anni si è riscoperta questa forma di associazionismo, anche in paese.

Oggi la Compagnia Barracellare alaese si compone di volontari che con mezzi e strutture fornite dall'ente comunale si occupa di pattugliare i viottoli di campagna, creando dunque un impedimento a chi volesse compiere furti ai danni di contadini e pastori e usurpazioni del patrimonio boschivo pubblico. In tal modo i barracelli danno il loro notevole contributo a prevenire motivi di contrasto tra gli operatori della campagna, molto spesso causa delle annose inimicizie che nascevano nei paesini sardi.

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto