Vai a sottomenu e altri contenuti

Barore Nieddu

Barore Nieddu amava canzonare, come tradizione alaese, ma era anche un poeta ''a tavolino'', scriveva cioè le sue composizioni, di cui si hanno i manoscritti originali. Egli é vissuto principalmente nel ''cuile'' di S'arroccu, assieme alla mamma, Nanneddha Nieddu e il patrigno, cantoniere a Mazzinaiu. Viveva in un gruppo di stazzi, dove abitavano anche i parenti, come la cugina Toieddha Boe, alla quale dedicò questa ''cantone'': Toieddha Boe signorina noa/ Ca si creede de valore e med'aspettu/ Pro bellesa ad fattu sa patrona/ E-i pro drommire de ferul'ad su lettu/ No bo l'abaidezas ca est bascia/ Chi sa risposta est bona a bos torrare/ Issa pared sa grancascia/ de cussas chi giughen a sonare.

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto